collegegoalsundaymd.org

Breve nota di quel che si vede in casa di Raimondo di Sangro principe di Sansevero - Anonimo del XVIII secolo

DATA DI RILASCIO 11/05/2016
DIMENSIONE DEL FILE 10,91
ISBN 9788899716035
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Anonimo del XVIII secolo
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Il miglior libro Breve nota di quel che si vede in casa di Raimondo di Sangro principe di Sansevero pdf che troverai qui

Una piccola e introvabile guida, per conoscere l'opera del grande Principe alchimista. Quando venne a Napoli, il marchese De Sade trovò questo opuscolo in vendita alla porta di Palazzo Sansevero, forse per "celebrare il talento del defunto". E in effetti, la "Breve nota", pubblicata per la prima volta nel 1766, fu certamente commissionata, o addirittura scritta dallo stesso Raimondo Di Sangro. Al testo originale inquadrato in fregi d'epoca sono aggiunte la "notizia" dell'invenzione della "Carrozza Marittima"; una bibliografia delle opere, edite e inedite, del Principe; nonché un disegno della Cappella Sansevero di Giuseppe Carelli, eseguito nel 1862 per lo Studio fotografico Sommer.

...ncipe di Sansevero, libro di Anonimo, edito da Colonnese ... I segreti di casa Sansevero - Cultura e Spettacoli - La ... ... . Una piccola e introvabile guida, per conoscere l'opera del grande Principe alchimista. Il padrone di casa, don Raimondo di Sangro, principe di Sansevero (1710-1771), fu certamente l'editore - tipografo (se non pure l'autore) di quella guida turistica ante litteram, giacché, come è noto, aveva egli allestito, già da anni addietro, una fornitissima stamperia nel proprio palazzo, da cui erano usciti libri di taglio singolare, innovativi per forma e contenuto persino in quel ... Una piccola e introvabile guida, per conoscere l'ope ... Amazon.it: Breve nota di quel che si vede in casa di ... ... ... Una piccola e introvabile guida, per conoscere l'opera del grande Principe alchimista. Quando venne a Napoli, il marchese De Sade trovò questo opuscolo in vendita alla porta di Palazzo Sansevero, forse per "celebrare il talento del defunto". E in effetti, la "Breve nota", pubblicata per la prima volta nel 1766, fu certamente commissionata, o addirittura…...